I sardi in piazza a difesa della sanità pubblica

Domani, venerdì 24 settembre, a Cagliari, con partenza alle 9:00 dalla Basilica di Bonaria, si terrà la "Manifestazione regionale" a difesa della sanità pubblica.
La Rete Sarda - Difesa Sanità Pubblica, che la organizza, nasce nel 2015 e coordina i numerosi comitati che nel territorio sardo lottano per il diritto alla salute dei cittadini.

Lo smantellamento del sistema sanitario pubblico a opera della politica ha privato la collettività dall’accesso alle cure. In 304 comuni sardi su 377, i decessi superano le nascite.

A preoccupare ulteriormente è il bilancio non ancora pervenuto sulla salute dei malati cronici che in quest'ultimo anno e mezzo non hanno avuto accesso alle sale operatorie, ai reparti, alle visite specialistiche, TAC e risonanze magnetiche e di chi ha contratto malattie non diagnosticate per l’inacessibilità alla Prevenzione.


Con la centralizzazione dei poteri in materia di politiche sanitarie i territori sono sempre meno ascoltati, per questo la Rete Sarda scende in piazza e propone nuove strategie. Tra cui:

  • il monitoraggio e il rilancio del Sistema Sanitario Pubblico in tutti i territori.

  • l’organizzazione di nuovi modelli di medicina territoriale, indispensabile per il riequilibrio di tutti gli ospedali.

  • un piano di emergenza per dotare le comunità di medici di base e di guardie mediche.

  • l’alleggerimento del carico burocratico che grava sui medici di base.

  • agevolazioni che incoraggino i medici in prepensionamento ad assumere ruoli di tutor nei reparti pubblici per la formazione dei nuovi specializzandi e per elevare la qualità dell’assistenza sanitaria.

  • il superamento dell’ ”imbuto formativo” e la valorizzazione degli specializzandi.

  • l’abolizione del numero chiuso a Medicina e il libero accesso per tutti gli studenti, il quale, oltre che un diritto inalienabile, in Sardegna è ancor più una necessità.

Su questi punti invitano tutti i sardi alla mobilitazione e tutte le istituzioni ad assumersi le proprie responsabilità per restituire ai Sardi il diritto alla salute.

Appuntamento domani, venerdì 24 settembre, a Cagliari. Partenza alle 9:00 dalla Basilica di Bonaria